Continuano gli incontri di catechismo per le “prime comunioni” e la “festa del perdono”

Nella speranza di potervi incontrare TUTTI, desideriamo fornirvi alcune indicazioni riguardo i comportamenti da tenere per evitare il diffondersi del virus.

Gli incontri di catechismo si terranno nelle aule.

I ragazzi, divisi in gruppi, saranno accolti dai volontari e si recheranno subito nelle aule a loro destinate senza fermarsi nello spazio esterno (gli ingressi saranno scaglionati).

Nelle aule saranno accolti dalla/dal catechista che li destinerà alla propria postazione osservando le norme di distanziamento.

I tavoli e le sedie utilizzati, saranno sanificati dopo ogni incontro.

Vi ricordiamo le 3 regole generali di comportamento da seguire:

1) Utilizzare la mascherina

2) Mantenere il giusto distanziamento

3) Lavare le mani frequentemente

Non possiamo accogliere ragazzi:

  • che presentino sintomi influenzali quali temperatura corporea superiore a 37,5 gradi, tosse, raffreddore o congestione nasale, mal di gola, congiuntivite, perdita dell’olfatto o del gusto, diarrea, ecc.
  • che siano stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni
  • che siano stati a contatto con persone positive, per quanto di propria conoscenza, negli ultimi 14 giorni

I ragazzi e i catechisti dovranno indossare la mascherina per tutta la durata dell’incontro.

Prima di entrare in aula sarà disponibile il gel disinfettante per sanificare le mani.

Si consiglia di dotare i ragazzi di una bottiglietta d’acqua, i bagni saranno chiusi e disponibili solo per casi eccezionali.

E’ necessario che ogni ragazzo abbia una dotazione di penne, colori, gomma, ecc. personali. Consegneremo anche dei fogli e dispense usati esclusivamente da ogni ragazzo e da portare a casa per la riflessione personale.

Al termine dell’incontro i ragazzi usciranno a piccoli gruppi e in questo ordine, per evitare assembramenti.

Vi alleghiamo il calendario con gli incontri di preparazione, che si svolgeranno da  metà settembre, a cui tutti i ragazzi sono tenuti partecipare per essere preparati a ricevere il sacramento della Prima Comunione e della Cresima.

Si ricorda che l’orario del catechismo è il seguente: 17.15 –18,30 (entrata e uscita scaglionati).

Si ricorda che è fondamentale la presenza dei ragazzi a tutti gli incontri di preparazione al Sacramento.

Vi ringraziamo per la collaborazione,

Don Beppe e le Catechiste

per i ragazzi che riceveranno LA PRIMA COMUNIONE

  • venerdì 2 ottobre – ore 17:15 – 18:30 – tutti i gruppi IN CHIESA
  • giovedì 8 ottobre – CONFESSIONI

ore 17:30 – gruppo A

ore 18:30 – gruppo B

  • venerdì 9 ottobre

ore 17:00 – prove gruppo A

ore 18:00 – prove gruppo B

  • domenica 11 ottobre – ore 11:15 –  PRIME COMUNIONI

***

  • giovedì 15 ottobre – CONFESSIONI

ore 17:30 – gruppo C

ore 18:30 – gruppo D

  • venerdì 16 ottobre

ore 17:00 – prove gruppo C

ore 17:45 – prove gruppo D

  • sabato 17 ottobre – ore 17:00 – PRIME COMUNIONI
  • domenica 18 ottobre – ore 11:15 – PRIME COMUNIONI
  • domenica 25 ottobre – ore 11:15 – PRIME COMUNIONI

********************************************

per i ragazzi della 3ª elementare

  • domenica 8 novembre – ore 9:30 – 11:00, incontro con i GENITORI dei  RAGAZZI PRIMA CONFESSIONE Centro Le Ali o Chiesa Parrocchiale
  • sabato 14 novembre – ore 20:30 – FESTA DEL PERDONO

Torte, che bontà!

la “FESTA DELL’ORATORIO” al tempo del covid

la prima domenica di ottobre tradizionalmente era dedicata alla “festa dell’oratorio”.

Si iniziava ufficialmente l’anno pastorale, con la presentazione delle catechiste/i, gli orari dei catechismi per i bambini ragazzi e giovani, corsi di approfondimento per gli adulti.

Quest’anno per ovvi motivi la festa avrà un programma del tutto diverso, non più giochi, banco di beneficenza e varie, ma ci sarà il fulcro di tutto quanto:

domenica 4 ottobre – alle ore 10:30 – sarà celebrata la Santa Messa nel cortile dell’oratorio

per rendere più festosa la giornata, prima e dopo la S.Messa, ci sarà anche la “fiera del dolce”.

Per cui si invitato tutti, proprio tutti, a portare delle torte, il cui ricavato sarà destinato alle opere di ristrutturazione in corso all’oratorio.

avviso ai postini de “INCONTRO”

 

si invitano tutti gli incaricati alla distribuzione del giornale parrocchiale “INCONTRO” a ritirarli in parrocchia.

Alcune persone per motivi di salute e/o altro non possono più fare questo servizio. Se qualcun altro fosse disponibile, è pregato di segnalarlo negli uffici parrocchiali.

GRAZIE del servizio che svolgete!

 

I Fratelli lasciano Cambiano

Con l’inizio del nuovo anno pastorale 2020-2021, i Fratelli della Sacra Famiglia lasceranno la parrocchia di Cambiano.

La decisione è stata assunta dal Consiglio provinciale della Congregazione, seppur a malincuore, durante l’estate. Purtroppo, anche i Fratelli sono toccati dall’avanzare dell’età media e si vedono costretti a ridimensionare la presenza nelle comunità finora aperte. Quella di Cambiano sarà purtroppo chiusa.

Il superiore provinciale dei Fratelli della Sacra Famiglia, fratel Mauro Romano, spiega che fratel Davide Delbarba, fratel Mariano Lovato e fratel Vittorino Siviero – gli attuali membri della comunità cambianese – saranno trasferiti presso altre comunità: «In Consiglio provinciale abbiamo completato le considerazioni necessarie, giungendo alla decisione della conclusione dell’esperienza dei Fratelli in Cambiano».

Ancora per qualche settimana i Fratelli resteranno in parrocchia per concludere quanto avviato nei vari settori della pastorale, in particolare con il catechismo. Ma nel mese di ottobre lasceranno definitivamente la casa canonica. La loro esperienza è durata soltanto poco più di tre anni: furono infatti accolti a Cambiano domenica 18 giugno 2017.

Tuttavia, i tre Fratelli in partenza – insieme a fratel Silvio Giustinelli, che fece parte della comunità nel primo anno    e fratel Luigi Lovato nel secondo anno – sono riusciti a farsi amare e benvolere dai parrocchiani e da chi li ha incontrati e conosciuti. A loro va la gratitudine per la dedizione con cui hanno svolto i servizi pastorali e liturgici loro affidati; al Signore il ringraziamento per aver concesso ai cambianesi e ai sacerdoti della parrocchia di percorrere questo tratto di strada insieme e di godere della loro spirituale e amicale presenza.

L’intercessione di fratel Gabriele Taborin, fondatore dei Fratelli della Sacra Famiglia, continui a condurre la Congregazione nella sequela al Signore sulle strade del mondo, che Cambiano è lieta di aver incrociato per questi tre anni.

don Beppe Zorzan, parroco e priore

Un nuovo viceparroco: arriva don Filippo Romagnoli

Don Filippo con papà, mamma e sorella

Cambiano, Santena e Villastellone avranno un nuovo viceparroco tutto per loro: si chiama don Filippo Romagnoli, è stato ordinato prete sabato 6 giugno e arriverà in parrocchia subito, senza attendere il mese di settembre, come di solito accade con le nuove nomine.

L’arcivescovo Cesare Nosiglia invia così nelle tre comunità parrocchiali una giovane forza ad affiancare il parroco don Beppe Zorzan. Infatti, a settembre verrà a mancare l’aiuto di don Alberto Nigra, il quale andrà a Venaria come collaboratore parrocchiale, mantenendo gli altri incarichi assunti. Don Mauro Grosso resterà vicario a Cambiano, Santena e Villastellone, continuando a svolgere gli altri servizi che già gli sono stati affidati e diventando però ordinario di Filosofia all’Istituto di Scienze Religiose di Torino. La novità sta nel fatto che don Filippo sarà interamente dedicato alle tre parrocchie e non avrà altri incarichi.

Il giovane sacerdote è nato a Torino nel 1992 ed è cresciuto nella parrocchia Beata Vergine delle Grazie del quartiere Crocetta. Secondogenito di due figli, ha una sorella maggiore che è ingegnere come il papà; la mamma è insegnante d’inglese. Dopo la maturità scientifica e un anno di studi universitari presso la Facoltà di matematica a Torino, don Filippo è entrato in Seminario. Frequentatore di oratorio da sempre, ha alle spalle una lunga carriera nel doposcuola, nei campi estivi, nell’animazione. A Cambiano, Santena e Villastellone potrà proseguire con frutto il cammino lungo questa strada intrapresa da tempo – e non solo. Attualmente è il prete più giovane dell’arcidiocesi di Torino.

Le sue tre nuove comunità parrocchiali lo accolgono con gioia, ringraziando il Signore e l’arcivescovo per questo dono tanto inatteso quanto gradito. A don Filippo un caloroso benvenuto, con il desiderio di poterlo conoscere al più presto e di poter sperimentare insieme l’amore di Dio che si manifesta attraverso il cuore pulsante dei suoi sacerdoti.

Nuove immagini dei piloni

Da pochi giorni sono disponibili le foto aggiornate dei piloni sparsi in tutto il territorio Cambianese. Vi invitiamo a prendere visione dell’elenco dei piloni con la foto e la descrizione aggiornate al seguenti link. Il lavoro di aggiornamento della galleria di immagini dei piloni è stato svolto da un volontario…

…continua